Campionando.it

    3° Massa, sotto la lente di ingrandimento Spartak e San Vitale Candia

Spartak Apuane, Paolo Ulivi, “dopo un inizio difficile, ci siamo messi in carreggiata..”


San Vitale Candia, Mister Bertelloni, Soddisfatto del lavoro dei ragazzi, “si poteva avere qualche punto in più... “


Anche in questa stagione l’avvincente campionato di terza categoria, come tutti gli altri tornei dilettantistici si è fermato, in attesa di una nuova ripartenza. Stava riscuotendo tanto successo la manifestazione a livello provinciale soprattutto interessante nel profilo tecnico sotto la perfetta organizzazione della Delegazione di Massa Carrara presieduta da Giuliano Ratti. Sono dieci le compagini territoriali, quali Vallizeri, Gragnolese, Villafranchese, Fosdinovo per la lunigiana, per il comprensorio massese e carrarino la blasonata San Vitale Candia, Tirrenia, Spartak Apuane, Master Marina di Massa, Attuoni Avenza e Carrarese giovani, aggiunte dalle due formazioni della provincia limitrofa lucchese Sporting Forte dei Marmi insieme alla nuova Marina di Pietrasanata, è l’organico che sta entusiasmando la provincia e non solo. Il torneo era iniziato il 23 ottobre scorso con la formula riproposta in questi ultimi anni disputando gli anticipi al venerdi e posticipi del lunedi entrambi in notturna. Le prime giornate di campionato vedeva la supremazia del Master Marina di Massa, dopo i due passi falsi a Gragnola e nello scontro diretto con gli avenzini dell’Attuoni il team di mister Davide Cantoni ha rallentato la corsa rimanendo ugualmente in scia, buon posto in seconda fila insieme alla Gragolese come la new entry Carrarese giovani entrambi a sette lunghezze dalla leader polisportiva guidata da mister Andrea Tinfena.


Dopo nove giornate il girone ha messo in evidenza l’ottima organizzazione di quasi tutte le compagini, esclusa per il momento il Marina di Pietrasanta ferma al palo ancora senza punti. Nell’ultimo posto disponibile nel girone dei play off si è inserito lo Spartak Apuane in virtù delle convincenti prove nelle ultime quattro gare, dalla sconfitta di misura sul campo del Vallizeri nel 5° turno il team di mister Paolo Ulivi ha collezionato un prezioso pareggio con la Carrarese giovani e ben tre larghi successi importanti con Fosdinovo, Tirrenia e sul campo difficile del Turano Montignoso.


Di proposito il tecnico analizza un breve bilancio sulla squadra, esprime la propria opinione sul momento che si è rivelato a distanza di un anno ancora difficile; “ Abbiano cominciato la stagione purtroppo senza giocatori, chi malati, chi infortunati, più vari problematiche siamo andati spesso a giocare senza cambi, proprio contati, naturalmente i risultati si erano visti. Con gare perse nel finale, perché non avevo le condizioni di sostituzioni,almeno quelle giuste. Ora, covid a parte ci siamo assestati negli ultimi quattro incontri, però con un discreto numero di giocatori di buon livello a disposizione abbiano raggiunto qualche risultato. Diciamo che la cosa si è un po' raddrizzata, sono contento. Per quanto riguarda il campionato, la situazione che si è ripetuta ,la stiamo soffrendo, la nostra squadra ha un modo di sopravvivere a livello economico particolare, biglietti della gara e una sorta di auto finanziamenti, dove tutta questa situazione ci pesa tantissimo, per il momento questa è la strada. Per quanto concerne l’immediato futuro del nostro calcio dilettante, lo vedo in grande difficoltà, specialmente ancor di più ai nostri livelli, credo che riusciremo ad alzare la testa, per lo più se riusciremo a vaccinarsi tutti si porteranno a termine tante cose. Per il torneo c’è ancora tante gare a disposizione dove 4/5 squadra hanno la possibilità di lottare per i play off. Per il primo posto ora è nelle mani dell’amico Tinfena, dove allena un gruppo di grandi amici, ragazzi seri che conosco da una vita e tanta voglia di giocare e di stare insieme, e questo è un grande vantaggio. Per il resto del girone come anticipavo le più accreditate per il momento si equivalgono, tutte hanno la possibilità di raggiungere i propri obiettivi, concludo nell’esprimere che questa situazione finisca quanto prima, vorrà significare che piano piano si ritorni alla normalità, riprendere a giocare il più bel sport del mondo.”


Un’altra squadra che era partita con obiettivi ben mirati soprattutto per aver mantenuto gran parte della rosa è il San Vitale Candia, dove il percorso nelle nove giornate è stato discontinuo, gli undici punti sono suddivisi in tre vittorie, una sola tra le mura amiche, due in trasferta, dove la più clamorosa è stata la dozzina di reti rifilate al Marina di Pietrasanta all’esordio del torneo, bottino che ha permesso a Donadel e compagni di avere il terzo reparto offensivo del girone dietro l’Avenza e Spartak. Due i pareggi entrambi fuori casa e quattro gli stop di cui due casalinghi nonostante le buone prove. L’ex mister di Poveromo, Ricortola, Cerrerto per citarne alcune quale l’esperto Paolo Bertelloni tecnico di lungo corso focalizza il cammino dei “suoi” come l’attuale momento che sta attraversando anche il calcio dilettantistico minore. ”Per quanto riguarda il bilancio siamo contenti per quanto la squadra si è espressa, per quello che ha affrontato ogni gara, a parte una partita e uno spezzone di un’altra ci siamo espressi con un buon gioco. Non siamo contenti chiaramente dei punti che abbiamo raccolto, per i nostri obiettivi prefissati potevamo avere qual che punto in più, sotto alcuni aspetti siamo un po' mancati, dove qualche episodio sfortu nato anno fatto la loro parte. Per il futuro, individuati gli errori cercheremo di abbinare i risultati importanti alle prestazioni che abbiamo fatto. Siamo partiti per fare un campionato di vertice, come minimo zona play off , penso da quando si riparte ci siano i presupposti per rientrare in quel girone. Per quanto riguarda il primo posto l’Attuoni ha messo dei punti tra se e le seconde, sta disputando un buon campionato,conquistando la finale di coppa,conferma di fatto che non sono li per caso. Cercheremo anche noi di arrivare al quel traguardo, dovendo disputare ancora le due semifinali contro una delle rivelazioni del girone Carrarese giovani(date e orari da definire), faremo di tutto per essere noi a contenderci la finale con l’Attuoni. Per il fatto della sospensione dove ha spiazzato un po' tutti, chiaro era doverosa per tutto quello che stava succedendo,i numeri dei contagi in aumento nelle nostre categorie era normale che si doveva prendere qualche provvedimento. Spero che si riparta il 28 vuol dire che ci siamo messi alle spalle anche questo momento del punto di vista del covid, però sinceramente sono un po' pessimista e penso che ci vorranno ulteriori quindici giorni in più per ripartire.


a cura di Bruno Fazzini