Campionando.it

GLI SPECIALI DI CALCIOPIù e CAMPIONANDO

Dal nostro archivio: quando Gollini strego' (e poi fece infuriare) Corvino

Dal nostro archivio: quando Gollini strego' (e poi fece infuriare) Corvino

Se dovesse descrivere la sua storia in viola, Pierluigi Gollini adatterebbe il testo di Amici Mai di Venditti proponendolo con il flow e lo slang che sono propri del rapper, una passione che il nuovo portiere della Fiorentina coltiva una volta tolti i guantoni. Giri immensi per poi tornare (quasi) al punto di partenza: pur non essendo nativo della Toscana e pur avendo compiuto le prime parate nelle giovanili della Spal, la carriera di Gollini ha vissuto infatti il suo primo punto di svolta proprio dopo la chiamata della societa' gigliata. Fu l'allora diesse viola Pantaleo Corvino a curarne i dettagli in arrivo, dichiarandosi poi platealmente deluso dalla decisione del portiere bolognese di trasferirsi al Manchester United. "Nessun giovane calciatore italiano che si sia trasferito in Inghilterra e' riuscito a sfondare" - tuonò il dirigente salentino all'epoca. Fu smentito in minima parte, perche' l'esperienza in Inghilterra si e' rivelata sicuramente utile ma non determinante nella carriera di Gollini: dal 2012 fino a oggi ha attraversato la Manica piu' volte, Manchester prima appunto, poi Verona, poi di nuovo Inghilterra a difesa dei pali dell'Aston Villa, fino alla consacrazione con l'Atalanta dal 2017 fino allo scorso anno.
Gollini torna a Firenze dopo una stagione difficile al Tottenham, chiudendo il cerchio o forse - chissa' - tracciando soltanto un altro punto di passaggio intermedio di una carriera che lo sta consacrando su livelli importanti.
Ora, la domanda e': nel suo peregrinare fra lo Stivale e la terra d'Albione, quando era una giovane promessa (fortunatamente mantenuta) del calcio italiano, Pierluigi Gollini ha lasciato traccia sulle colonne di Calciopiù? La risposta l'affidiamo al nostro archivio, condiviso con Campionando e consultabile da tutti gli utenti del sito e i lettori del nostro settimanale, ed e' positiva. Fra gli articoli che abbiamo ripescato ci ha colpito questa serie della stagione 2010-2011, quando Gollini affronto' piu' volte le squadre toscane (qui in FIORENTINA-SPAL, EMPOLI-SPAL e CARRARESE-SPAL) convincendo probabilmente in modo definitivo lo scouting viola a puntare su di lui. Altre buone prestazioni sono documentate in FIORENTINA - EMPOLI . GROSSETO - FIORENTINA e FIORENTINA - SANGIOVANNESE
Prima ci chiedevamo, Firenze come tappa intermedia o punto d'arrivo? Al di la' delle speranze dei tifosi viola, la risposta la daranno soltanto il tempo e il campo. Intanto il nostro archivio ha dato quella cui tenevamo di piu', che ci permette di continuare la nostra narrazione settimanale del calcio toscano, gioendo quando questa si intreccia con il destino di un campione.



Lorenzo Martinelli


Foto Antonio Badalucco