Campionando.it

    Sarà Verona – Fiorentina la finale di Coppa Italia!

Sono state disputate nel pomeriggio le semifinali di ritorno della Coppa Italia Primavera. Ecco cosa è successo:

Roma - Hellas Verona 3-1
ROMA: Zamarion; Parodi, Buttaro, Bianda (76' Codou), Calafiori (76' Semeraro); Bove (46' Zalewski), Nigro, Sdaigui (65' Simonetti); Riccardi, Felipe Estrella, D'Orazio (68' Providence). A disp.: Boer, Pleśnierowicz, Tripi, Ciervo, Darboe, Tomassini, Bamba. All.: Alberto De Rossi.
HELLAS VERONA: Wehbi Anzar; Gresele (80' Bernardinello), Bracelli, Calabrese, Corradini (63' Turra); Brandi, Lucas Felippe, Udogie; Jocic (63' Amayah); Sane, Yeboah Ankrah (54' Bertini). A disp.: Ciężkowski, Silvinho Esajas, Ilie, Agbugui, Pierobon. All.: Corrent.
ARBITRO: Matteo Gariglio di Pinerolo, coad. da Massimino di Cuneo e Gualtieri di Asti.
RETI: 25' Lucas Felippe, 41' Riccardi, 47' D'Orazio, 51' Calafiori.
E' l'Hellas Verona la prima finalista, a sorpresa, della Coppa Italia Primavera 2020. La squadra scaligera infatti, forte del 2-0 ottenuto all'andata, ha contenuto la reazione della Roma, che pure ha vinto, ma ha tenacemente guadagnato l'accesso alla finalissima del 10 aprile. La squadra di De Rossi, in svantaggio a metà primo tempo, ha sfoderato una reazione poderosa, che l'ha portata a ribaltare il risultato a cavallo dei due tempi e a segnare il terzo gol dopo 6 minuti della ripresa, ma ha mancato (per un soffio) il colpo del KO, quello che le avrebbe spalancato le porte della finalissima.

Juventus - Fiorentina 2-2
JUVENTUS: Israel; Wesley, Dragusin, Gozzi, Anzolin (82' Moreno); Fagioli (82' Barrenechea), Leone (73' Da Graca), Ahamada; Tongya (73' Sekulov), Portanova; Marques (62' Sene) A disp.: Garofani, Dadone, Riccio, Vlasenko, Ntenda, Sekulov, De Winter, Moreno, Barrenechea, Sene, Da Graca. All.: Lamberto Zauli.
FIORENTINA: Brancolini; Pierozzi E., Dutu, Dalle Mura, Ponsi (63' Simonti), Lovisa, Fiorini, Beloko; Duncan (63' Pierozzi) , Spalluto, Koffi (87' Chiti) A disp.: Chiorra, Simonti, Chiti, Bianco, Fruk, Haniljak, Pierozzi N., Agostinelli, Milani, Mignani. All.: Emiliano Bigica.
ARBITRO: Matteo Marcenaro di Genova, coad. da D'Elia e Niedda di Ozieri.
RETI: 28' Lovisa, 29' Portanova, 68' Beloko, 95' Dragusin.
Dopo l'1-1 dell'andata al Franchi la Fiorentina ha bisogno innanzi tutto di segnare, per sperare di ottenere il pass per la finale. Alla truppa di Bigica serve infatti una vittoria o un pareggio con almeno due gol per eliminare la rivale storica e bissare l'accesso alla finalissima di Coppa Italia, di cui, ricordiamolo, è campione in carica. La gara di Vinovo inizia con una fase interlocutoria: nessuna delle due squadre vuol correre troppi rischi e gli unici tiri verso le rispettive porte arrivano su calci da fermo. Il primo scossone arriva al 28' ed è quello che porta in vantaggio i viola: cross basso e teso dalla sinistra di Koffi, Lovisa in area si fa trovare pronto alla deviazione in scivolata di sinistro che supera Ismael. Ma il vantaggio della Fiorentina non dura neanche un minuto: lancio in profondità di Fagioli per Portanova, Brancolini si fa sorprendere fuori dai pali e viene superato da un destro angolato del centrocampista bianconero. 1-1, tutto da rifare. Con questo risultato si andrebbe ai supplementari, ma c'è ancora un tempo da giocare.
Nella ripresa la Fiorentina riparte a spron battuto, la Juventus cerca di ribattere colpo su colpo ma i ragazzi di Bigica sono molto determinati e, rimediando anche un paio di ammonizioni pesanti , che li priverebbero in un eventuale finale, di due pedine importanti come Fiorini e Lovisa, cercano con caparbietà il vantaggio. Vantaggio che arriva a metà ripresa, ed è messo a segno da Beloko, che al termine di una sgroppata solitaria, va a segnare di prepotenza alle spalle di Israel. Conquistato il vantaggio, questa volta la Fiorentina sta bene attenta a non farsi di nuovo recuperare e si avvia al termine della partita col passaporto per la finale in tasca. Poco conta ch, proprio alla fine dei 5 minuti di recupero concessi dal signor Marcenaro, Dragusin trovi di testa, su calcio d'angolo, la deviazione vincente per il 2-2. Subito dopo arriva il triplice fischio dell'arbitro che decreta la fine dell'incontro. La Fiorentina è in finale, per il secondo anno consecutivo, e dopo il Torino, quest'anno troverà un'altra squadra.. amica : l'Hellas Verona. Sperando nel medesimo epilogo..