Campionando.it

    Il silenzio fragoroso del Figline

Della partita Tau Altopascio-Figline hanno parlato in tanti, praticamente tutti. Quello che stupisce fino a questo momento è il silenzio fragoroso del Figline. Il Tau Altopascio ha diramato due comunicati stampa, il Livorno e lo stesso Tau, dopo la conferenza stampa del presidente Paolo Toccafondi, hanno presentato un esposto nei confronti del Figline e l'hanno inviato al Crt e alla procura federale chiedendo lumi su quanto accaduto negli ultimi dieci minuti della gara di mercoledì ad Altopascio.

A Figline si fa calcio da una vita, si sono raggiunte categorie professionistiche, lo storico titolo sportivo è stato riconsegnato alla società da Vittorio Casucci. La festa con la partecipazione di Maurizio Sarri ha fatto il resto. Non si può disperdere un patrimonio sportivo e ideale con una vicenda perlomeno poco chiara come quella accaduta mercoledì. Tutto deve essere provato, ci mancherebbe, e solo dopo un'indagine e un eventuale processo, ma per il rispetto e per la storia della società mi sarei aspettato un intervento del presidente Simoni e del consiglio direttivo con cui - in attesa di conoscere il proseguo della vicenda - si sarebbe presa la decisione di sospendere in via cautelare alcuni protagonisti di una storia vista da tutta Italia.

Sarebbe stato un bel gesto. Di certo, a prescindere da quello che accadrà domenica fra Livorno e Tau, la macchia sulla stagione del Figline appare notevole. Figline non merita tutto ciò. E' il momento in cui, se c'è, la società deve prendere in mano la situazione. I direttori sportivi passano, i giocatori passano, le società rimangono. E se domenica il Figline fosse promosso, chi parteciperà alla festa della promozione?
Alessio Facchini