Campionando.it

    Juniores Reg. Forte dei Marmi, intervista al capitano Matteo Palla

Una nuova capolista nel girone C degli Juniores Regionali. Nel fine settimana il Forte dei Marmi ha vinto 1-0 lo scontro al vertice con la Lampo Meridien, superandola in testa alla classifica. Un avvicendamento che arriva dopo mesi di dominio da parte della squadra di Bartolozzi, interrotto dai ragazzi di Vannoni che adesso ci credono davvero. Del match di sabato, ma anche degli obiettivi e dei sogni per il proseguo della stagione, abbiamo parlato con il capitano del Forte dei Marmi Matteo Palla:

Partiamo dal weekend e dalla vittoria contro la Lampo Meridien. Ci racconti la partita dal tuo punto di vista?

In settimana l'avevamo preparata molto bene. E' stata una delle nostre partite più belle, intensa e combattuta fino all'ultimo, contro un avversario veramente forte. L'abbiamo sbloccata con un grandissimo gol di Marcucci e poi siamo riusciti a portarla a casa, secondo me anche meritatamente.

Adesso siete lassù e guardate tutti dall'alto, anche se la classifica è ancora cortissima. Cosa dovrete fare, secondo te, per difendere questo primo posto appena conquistato?

Dobbiamo semplicemente continuare a lavorare come abbiamo fatto finora, rimanendo con i piedi per terra. Il campionato è ancora lungo e le avversarie sono forti, serviranno il massimo dell'impegno e della grinta.

Giunti ormai alla quarta giornata di ritorno si può fare un bilancio del campionato: che livello hai trovato in generale e quali squadre ti hanno impressionato di più?

Il livello del campionato è alto e non esistono partite scontate. Ci sono tante squadre che, pur non avendo una grande classifica, sono molto difficili da affrontare. Quelle che mi hanno impressionato di più sono sicuramente Lampo Meridien, Capezzano, Atletico Lucca e Don Bosco Fossone.

Immagino che tu abbia, in quanto capitano, un ruolo importante all'interno dello spogliatoio: in questa situazione, come si gestisce il gruppo per fare in modo che l'entusiasmo non influisca negativamente sulla concentrazione generale ma diventi piuttosto una spinta in più?

Il mio compito è facilitato perché faccio parte di un gruppo fantastico, composto da giocatori forti e ragazzi seri. Con molti di loro avevo già giocato in passato, e mi sono sempre trovato molto bene. Grande merito è anche del mister, che da quando è arrivato ha trasmesso energia positiva a tutto lo spogliatoio. Ci ha fatto capire che dobbiamo rimanere con i piedi per terra e affrontare ogni partita con il giusto approccio, senza mai sottovalutare l'avversario.

Mi ha colpito il fatto che, a differenza di altre squadre di alta classifica, non abbiate un vero e proprio bomber ma ben quattro giocatori a quota cinque gol. In che modo riuscite ad andare a segno con tanti elementi diversi? Può essere considerato questo un vostro punto di forza?

Sicuramente. Quest'anno abbiamo una rosa molto lunga, tutti i giocatori sono forti e importanti per la squadra a modo loro. Il fatto che giriamo molto la palla e che non abbiamo un unico punto di riferimento in attacco influisce su questa statistica, inoltre il mister è sempre riuscito a valorizzare al massimo ogni singolo calciatore.

Il prossimo turno vi vedrà impegnati contro un Lido di Camaiore alla ricerca di punti salvezza: che partita ti aspetti e in che modo la dovrete approcciare per non incorrere in brutte sorprese?

Ogni partita è difficile a suo modo, la prossima nello specifico non dobbiamo assolutamente darla per scontata. Inoltre conosco alcuni giocatori del Lido di Camaiore e so che si tratta di una buona squadra, anche se adesso sta attraversando un momento difficile. Noi prepareremo il match al meglio durante la settimana, sappiamo che ogni dettaglio è determinante per il raggiungimento del nostro obiettivo.

Giulio Dispensieri