• Serie A-
  • 11/10/2020 17.00.00
  • Crea pdf Crea pdf
  • Juventus
    Bonansea
    Hurtig
    Alves
    Girelli
  • 4 - 0 11/10/2020 17.00.00
  • Fiorentina

Commento


RETI: Bonansea, Hurtig, Alves, Girelli
JUVENTUS WOMEN: Giuliani, Hyyrynen, Salvai, Sembrant, Boattin (63′ Lundorf), Galli, Pedersen (46′ Caruso), Rosucci (75′ Zamanian), Maria Alves (63′ Hurtig), Girelli (70′ Staskova), Bonansea. A disp.: Bacic, Tasselli, Caiazzo, Cernoia. All.: Rita Guarino.FIORENTINA: Schroffenegger, Breitner, Quinn, Tortelli, Cordia, Vigilucci (72′ Zanoli), Adami, Mascarello (72′ Middag), Pires Neto (80′ Catena), Sabatino, Clelland (46′ Thogersen). A disp.: Ohrstrom, Ripamonti, Fusini, Jensen, Monecchi. All.: Antonio Cincotta.ARBITRO: Colombo di Como, coad. da Maninetti e Feraboli.RETI: 3′ Girelli, 14′ Maria Alves, 66′ Bonansea, 79′ Hurtig.NOTE: ammonite 33′ Pedersen, 52′ Breitner, 60′ Maria Alves; espulsa al 12′ Quinn.

Secondo poker consecutivo incassato dalla Fiorentina Femminile che, dopo la sconfitta interna con il Sassuolo della scorsa settimana, viene travolta dalla Juventus a Vinovo. Grazie a questo successo le bianconere guidano in solitaria la classifica a punteggio pieno. Ancora prive della Bonetti, protagonista di un mancato trasferimento all'Atleico Madrid nei giorni scorsi, le ragazze di Mister Cincotta iniziano il match subito in salita subendo al 3' la rete della Girelli che sugli sviluppi di un corner guadagnato dalla Pedersen e calciato dalla Boattin, approfitta della libertà concessale dalla Quinn per battere la Schroffenegger con un destro al volo. Colpite a freddo le gigliate provano a reagire al 9' con la Pires Neto che dopo un break della Sabatino si invola verso la porta avversaria, concludendo però senza impensierire la Giuliani. Come si suol dire.. piove sul bagnato quando al 12' le fiorentine restano in dieci per l'espulsione della Quinn che al limite dell'area atterra la Bonansea lanciata a rete. Si incarica della battuta la Girelli che costringe la Schroffenegger alla respinta, la più veloce a raggiungere la sfera è Maria Alves che trova il giusto pertugio per realizzare la rete del momentaneo 2-0. Adesso la montagna da scalare è insormontabile ma la Fiorentina ci prova ugualmente, al 18' la Mascarello su punizione guadagna un corner sugli sviluppi del quale la Adami prova di tacco a sorprendere la Giuliani che però risponde presente. Nella seconda metà della prima frazione cala sensibilmente il ritmo, con le bianconere che si ripresentano in zona d'attacco al 32' con un tiro della Salvai bloccato a terra dall'estremo difensore viola. Il primo tempo si conclude con una punizione della Mascarello che termina alta sopra la traversa. Le squadre vanno quindi al riposo sul risultato di 2-0 per la Juventus. Nella ripresa la Fiorentina si ripresenta in campo con la Thogersen al posto della Clelland, cambio anche per le bianconere con la Caruso che prende il posto della Pedersen. Non cambia il leitmotiv dell'incontro: la Juventus tiene in mano le redini del gioco sfiorando il tris al 54' quando il colpo di testa della Salvai sugli sviluppi di un corner si infrange sulla traversa dopo una deviazione. Al 58' si rivede in avanti la Fiorentina con la Sabatino che viene anticipata di un soffio dall'intervento della Salvai. Passano otto minuti e la Juventus si porta sul 3-0 grazie al tocco della Bonansea che sbuca alle spalle della difesa sfruttando al meglio, trasformandolo in rete, il prezioso assist in scivolata della Girelli. Al 71' sul fronte opposto ci prova la Thogersen che di sinistro sfiora l'incrocio dei pali dopo aver eluso l'intervento della Lundorf. Il finale di partita è tutto appannaggio delle bianconere che dopo aver sfiorato il poker all'80' al termine di un'azione sull'asse Hurtig-Staskova, lo trovano un minuto più tardi con la Hurtig, che trafigge la Schroffenegger sul primo palo. Da qui al triplice fischio finale niente altro da segnalare, cala quindi il sipario a Vinovo, la Juventus vince e convince e dopo cinque giornate di campionato guida già la classifica in solitaria, male invece la Fiorentina che dopo un avvio di torneo roboante con le goleade rifilate ad Inter e Napoli e la vittoria di misura sulla Florentia San Gimignano, ha subito due pesanti sconfitte che ne ridimensionano le ambizioni anche se è vero che il campionato è ancora lungo e c'è il tempo per rimediare.