• Serie A-
  • 23/01/2021 14.30.00
  • Crea pdf Crea pdf
  • San Marino Academy
    35' Barbieri
  • 1 - 4 23/01/2021 14.30.00
  • Empoli Ladies
    18' Polli
    25' Cinotti
    41' Dompig
    45' Glionna

Commento


RETI: 18° Polli, 25° Cinotti, 35° Barbieri, 41° Dompig, 45° Glionna
SAN MARINO ACADEMY: Salvi; Babnik (84’ Di Luzio), Venturini, Nozzi (46’ Micciarelli), Menin; Costantini (70’ Chandarana), Kunisawa, Baldini (46’ Vecchione), Muya (90+3’ Musolino), Rigaglia; Barbieri. A disp.: Montalti, Piazza, Cecchini, Giuliani. All.: Alain Conte.EMPOLI: Capelletti; Di Guglielmo, Brscic, Giatras, De Rita; Cinotti, Bellucci (70’ Morreale), Prugna (86’ Iannazzo); Glionna, Polli (55’ Caloia), Dompig (86’ Acuti). A disp.: Fedele, Knol, Toniolo, Miotto, Fabbroni. All.: Alessandro Spugna.ARBITRO: Mattia Caldera di Como, coad. da De Nardi di Conegliano e Paggiola di Legnago.RETI: 18’ Polli, 25’ Cinotti, 35’ Barbieri, 41’ Dompig, 45+2’ Glionna.NOTE: ammoniti Nozzi, Di Guglielmo, Iannazzo. Espulso: Alain Conte, all. San Marino (rosso diretto).

Parte il girone di ritorno. L'Empoli è ospite della San Marino Academy, che all'andata fu letteralmente travolta dalle azzurre. Mister Spugna schiera la formazione sul modulo 4-3-3. Brscic parte dal primo minuto al posto di Binazzi, indisponibile per infortunio. In casa Academy, l'emergenza vissuta trasferta di Firenze della scorsa settimana, si stempera un po', ma non più di tanto: Montalti, Musolino e Piazza sono tra le convocate, ma si accomodano in panchina. In campo, l'unico recupero è quello di Karin Muya, schierata alle spalle di Barbieri. Menin viene confermata terzino sinistro, mentre sulla destra fa il suo esordio da titolare Nika Babnik.
La prima azione incisiva della gara arriva al 7′, quando Glionna prova la conclusione, la palla sfiora il palo e finisce sul fondo. Al 12′ il San Marino si rende pericoloso in attacco, con Muya, lanciata in profondità da Baldini dopo una bella trama, ma non trova il gol. L'Empoli pressa le avversarie: al 18′, sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Glionna, Polli, smarcatissima, ha la possibilità anche di sbagliare il primo controllo, prima di tornare sulla palla e battere in spaccata Salvi, mandando la palla in rete. Al 25′, sugli sviluppi di un altro calcio di punizione, l'Empoli raddoppia: batte ancora Glionna, che stavolta cerca direttamente la porta, Salvi respinge corto e sul pallone arriva per prima Cinotti, che non ha problemi ad insaccare. È un doppio colpo che crea un po' di confusione tra le Titane, ora piuttosto in difficoltà sia nella gestione del pallone che nella sua riconquista. Al 27′ Baldini prova il tiro di testa, Capelletti fa buona guardia. Al 35' arriva il gol che riaccende gli animi delle padrone di casa: gran lavoro di Muya, partita da metà campo e in grado di mettere Rigaglia in posizione di sparo; l'ala siciliana sceglie invece di assecondare il taglio profondo di Barbieri, che anticipa l'uscita di Capelletti e fa 7 in campionato. Il gol ridà coraggio alle Titane, ma l'Empoli non perde la bussola. L'oliatissimo meccanismo di Spugna riprende subito a macinare il suo bel gioco fatto di rapidi scambi di palla e posizione e impreziosito da qualche raffinata giocata individuale. Le toscane tornano subite pericolose con il colpo di testa di De Rita, a cui Salvi dice di no con un gran riflesso. Ma un minuto dopo nulla può l'estremo difensore locale quando Polli lancia in profondità Dompig la quale, approfittando della mancata comunicazione tra portiere e difesa, fa 3-1 con un pallonetto dolce e allo stesso tempo venefico per il morale delle padrone di casa. Che nel recupero di frazione, in momentanea superiorità numerica, subiscono anche il 4-1: l'azione è di quelle spettacolari, con tocchi rapidi e precisi, l'ultimo è un autentico gioiellino di Prugna, che di tacco aggiusta il pallone per l'accorrente Glionna, a quel punto assolutamente impossibilitata a sbagliare. E infatti, non sbaglia e sigla il 4-1.
Le Titane approcciano bene la ripresa, sfornando subito una bella combinazione che libera Rigaglia sulla sinistra; cross preciso della numero 11 per Menin (nel frattempo spostata in avanti), che arriva sul pallone coi tempi giusti ma si coordina male. Intanto l'elettricità della sfida aumenta e il mister delle sanmarinesi Alain Conte ne fa le spese ricevendo un rosso diretto per proteste. Poco dopo, un contatto fra Giatras e Barbieri - con la maglia della Titana che si allunga in modo sospetto - fa gridare al rigore la panchina di casa, ma l'arbitro decide che non ci sono irregolarità. Sull'altro fronte Glionna scappa a sinistra e mette un pallone pericoloso che Polli non riesce a correggere in rete; la palla resta comunque in zona rossa e la prima a raggiungerla è Bellucci, il cui destro, praticamente a botta sicura, si stampa sul palo. Al 25′ entra Morreale al posto di Bellucci. Al 27′ Vecchione prova la conclusione, che finisce sopra la traversa. Glionna ne ha ancora per sgasare sul lato destro e mettere in apprensione la difesa di casa; sbroglia tutto Babnik, che in scivolata concede solo angolo. Al 41′ Prugna riceve un brutto colpo ed è costretta ad uscire: al suo posto entra Iannazzo, all'esordio in Serie A. Dopo 6 minuti di recupero, la partita finisce con la rotonda vittoria dell'Empoli, che sale a 20 punti mantenendo il quarto posto in classifica, in attesa del big-match di sabato prossimo contro la Juventus al Castellani (ore 12.30).