• Allievi Regionali GIR.A
  • 01/12/2019 10.00.00
  • Crea pdf Crea pdf
  • Cattolica Virtus
    7' Rossi Lottini
  • 1 - 1 01/12/2019 10.00.00
  • Tau Calcio
    21' Menconi

Commento


CATTOLICA VIRTUS: Dainelli, Rocchini, Del Lungo, Dallai, Gentili, Vestrini, Rossi Lottini, Cocchi, Masetti, Bartolozzi, Iacovitti. A disp.: Onori, Caleca, Frascadore, Giugni, Marchetti, Marchi, Passa, Testa . All.: Sarti Gabriele
TAU CALCIO: Likaj, Iannello, Ricci, Filieri, Amorusi, Quilici, D Andrea Pisani, Tragni, Menconi, Bachini, Bellucci. A disp.: Ilie, Belluomini, Kane, Lartini, Manfredi, Marchetti, Rocco, . All.: Giuli Simone
ARBITRO: Lila Jurgen di Valdarno
RETI: 7° Rossi Lottini, 21° Menconi


Da qualche anno ormai quando si sfidano Cattolica e Tau non sono mai sfide banali, nemmeno quando non ci sono velleità di primato per una delle due compagini. In un girone d'élite che dopo 12 giornate di campionato mantiene ancora una classifica cortissima, le velleità ci sono eccome. Le ha il Tau, che ha ritrovato il passo giusto con due vittorie consecutive. Ma le ha anche la Cattolica, che, rinvigorita dai quattro successi in sequenza, arriva di gran slancio al big match.
Sarti schiera i suoi con un 4-3-3, nel quale Iacovitti parte tre-quartista alle spalle di Rossi Lottini e Masetti; Bartolozzi fa parte della cerniera di centrocampo con Dallai e Cocchi, mentre in difesa la coppia centrale Gentili-Vestrini è affiancata sugli esterni da Del Lungo (a sinistra) e Rocchini (a destra). Tra i pali, ovviamente, c'è Dainelli. Giugni si affida a un 4-2-3-1: davanti a Likaj, difesa a quattro composta da Iannello e Ricci esterni, Amorusi e il 2004 Quilici centrali; Tragni e Filieri davanti alla difesa, poi Bachini, D'Andrea Pisani e Bellucci a dialogare col centravanti Menconi.
I ritmi alti non impediscono alle squadre di mostrare la loro vocazione al palleggio: una vocazione più evidente durante la prima frazione per il Tau, che gioca da squadra adulta. Il palleggio parte dai centrali, passa dai piedi dei due mediani e cerca di imbeccare il quartetto offensivo. La Cattolica però sta benissimo in campo: gli equilibri difensivi sembrano aver contagiato tutti gli altri reparti. E così al 7', al primo guizzo del match, sono proprio i padroni di casa a passare in vantaggio: Rossi Lottini arpiona la sfera in area, la scarica a Masetti che la restituisce al DRL7 locale, il quale si coordina e calcia di potenza rasoterra, dove Likaj non può arrivare. La risposta del Tau è affidata a un tiro da fuori di Ricci, sul quale è facile la presa per Dainelli. Al 13' poi ci prova anche Bellucci su punizione, senza inquadrare lo specchio. Lo stesso attaccante ci riprova due minuti più tardi su un pallone in uscita dall'area dopo un corner, ma Dainelli è ben posizionato. Il pareggio del Tau arriva cinque minuti più tardi: l'azione parte da un passaggio sbagliato dei locali, Menconi entra in area e scarica per Bachini che controlla e sposta il pallone a Dallai; il centrocampista si scontra con l'avversario e Lila indica il dischetto, tra le proteste dei locali. Dagli undici metri batte Menconi, Dainelli indovina la parte giusta e respinge, la ribattuta è conquistata dallo stesso Menconi, che anticipa un compagno per firmare l'uno a uno. Il Tau prende fiducia e ci prova con Bellucci, il cui destro viene messo in angolo dall'attento Dainelli. Gli ospiti sono pericolosi anche al 23', quando Iannello (arrembante durante il primo tempo) serve un cross: D'Andrea Pisani, dopo che la traiettoria è stata prolungata da un difensore, tenta una conclusione centrale, ma para ancora Dainelli. La Cattolica torna a pungere: al 25' Rossi Lottini serve a destra Masetti, questi protegge bene il pallone e lo consegna a Cocchi, che col destro conclude alto. Al 39' un lancio di Vestrini imbecca in area Bartolozzi: il classe 2004 tenta l'aggancio in area, ma si porta la sfera oltre la linea di fondo. Allo scadere, altro cross di Iannello, la difesa di casa respinge e D'Andrea Pisani conclude a lato.
Nel secondo tempo cambia marcia decisamente la Cattolica, che vuole vincere e ci prova con coraggio. Ma anche con razionalità. E con qualità. Facendo emergere l'ottimo lavoro fatto da Sarti, non solo in questi mesi, ma anche nella passata stagione (dei 13 giocatori mandati in campo, 11 fanno parte del gruppo della passata stagione, uno - Bartolozzi - è un 2004, l'altro è l'arrivo estivo Caleca). Sul fronte opposto il Tau continua a tenere bene il campo, ma perde il predominio territoriale e non riesce a gestire il possesso di palla con la consueta eleganza e precisione. Le occasioni della ripresa sono tutte di marca locale. Al 46' Rossi Lottini sfonda a destra e serve un cross interessante rasoterra: Cocchi si coordina per calciare, ma su di lui arriva il tackle di Tragni. Stavolta sono i giallorossi a chiedere il penalty, ma Lila lascia proseguire. Lo stesso Tragni si infortuna ed è costretto pochi minuti dopo a lasciare il campo. Il Tau patisce l'assenza del suo mediano, mentre la Cattolica continua a fare la partita. Al 57' Masetti, spalle alla porta, dopo aver protetto bene il pallone, scarica per Iacovitti che calcia di potenza, mandando di pochissimo alto sopra l'incrocio dei pali. Al 61' magia di Cocchi che si inserisce sulla destra, tiene in campo un pallone che sembrava a tutti destinato sul fondo e prova un colpo a girare dalla linea di fondo che passa vicinissimo al palo; Gentili recupera e prova a calciare, ma viene chiuso. Al 63' Del Lungo, scattato in posizione regolare, serve un cross splendido per la deviazione di testa di Bartolozzi, al quale risponde con un grande intervento Likaj a mano aperta. Al 66' Masetti ci prova col destro ma ancora il numero 1 amaranto salva. Giuli vede i suoi un po' in sofferenza e passa alla difesa a cinque: una mossa che lascia ancora più campo alla Cattolica, ma che consolida le fondamenta difensive. Quilici e Amorusi poi fanno il resto, disinnescando tutti i palloni aerei e i tanti corner in sequenza che i giallorossi di Sarti riescono a guadagnare. Dopo i tre minuti di recupero arriva il triplice fischio: il pari, vista la prestazione e viste le occasioni, va stretto alla Cattolica. Che può mangiarsi le mani per non aver capitalizzato le possibilità della ripresa e per il gol su rigore subito, a conti fatti l'unica vera occasione concessa agli avversari. Ma, senza guardare alla classifica (che comunque rimane interessante) né ai risultati (quinto risultato utile consecutivo), le note positive per i ragazzi di Sarti continuano: il gruppo sembra aver ingranato la marcia giusta e dovrà continuare a lavorare con questa intensità per proseguire il suo percorso di crescita. Il Tau, ancora alle prese con tante defezioni, riesce ad uscire con un buon punto dal campo della Cattolica: Giuli si conferma allenatore capace di far giocare bene le sue squadre, ma anche di dare loro grande equilibrio. E, anche se lo Scandicci allunga in classifica, il Tau ha dato dimostrazione di esserci.

San Michele Cattolica Virtus-Tau Calcio Altopascio: 1-1
SAN MICHELE CATTOLICA VIRTUS: Dainelli, Rocchini, De Lungo, Dallai, Gentili, Vestrini, Rossi Lottini, Cocchi, Masetti (65' Caleca), Bartolozzi (73' Frascadore), Iacovitti. A disp.: Onori, Giugni, Marchetti, Marchi, Passa, Testa. All.: Gabriele Sarti.
TAU CALCIO ALTOPASCIO: Likaj, Iannello, Ricci, Filieri, Amorusi, Quilici, D'Andrea Pisani (58' Belluomini), Tragni (51' Lartini), Menconi (67' Manfredi), Bachini (61' Rocco), Bellucci (53' Kane). A disp.: Calu, Marchetti. All.: Simone Giuli.
ARBITRO: Jurgen Lila sez. Valdarno.
RETI: 7' Rossi Lottini, 20' Menconi.
NOTE: ammoniti Menconi al 55', 15 al 76'. Corner 6-5. Recupero 0+3'.

Commento di : campio