pippo Berretti GIR.C
  • Berretti GIR.C
  • Pistoiese
  • 1 - 2
  • Citta di Pontedera


PISTOIESE: Isolani, Viti (46’ Giomi), Pastacaldi, Luka (57’ Parri, 68’ Bartolini), Orpelli, Gaggioli, Nannini (61’ Sgrilletti), Ercoli, M. Nieri, Pinucci, Muho. A disp.: Gambini, Fiorentini, Ussia, Fosci, Ibraliu, Giuliano, Peirotti, E. Nieri. All.: Niccolò Pascali.
PONTEDERA: Raco, Fiscella, Marseglia (74’ Berti), Belli, Carelli, Tassi (87’ Nannelli), Ecca (74’ Giuliani), Bardini, De Carlo (87’ Tamas), Scardigli, Danieli (51’ Micheletti). A disp.: Bianchi, Del Fiore, Di Cunzolo, Esperto, Melone, Ciabattini, Zaccanti. All.: Mario Piero Costa.

ARBITRO: Serra di Grosseto, coad. da Vannini e Donato di Pistoia.

RETI: 19’ M. Nieri, 45’ e 48’ rig. Bardini.
NOTE: ammoniti 32’ Bardini, 38’ Viti, 71’ Marseglia, 80’ Carelli, 92’ Raco.



Da una maglia granata, il Torino, ad un’altra maglia granata, il Pontedera, per la Pistoiese l’esito finale non cambia inanellando la settima sconfitta stagionale consecutiva, la quarta fra le mura amiche. Eppure la partita per i padroni di casa non era cominciata male, tutt’altro: pressing in ogni zona del campo, buoni fraseggi, fase difensiva ordinata e soprattutto, per la prima volta in sette partite, esser riusciti a sbloccare il risultato a proprio favore. Poi il secondo tempo: squadra piatta e poco reattiva, quasi come se il pareggio ottenuto dal Pontedera a fine primo tempo, avesse svuotato la squadra pistoiese delle giuste motivazioni per andare a vincere una gara tutto sommato equilibrata, dove la differenza l’ha fatta la maggior determinazione e voglia di vincere dei giocatori pisani. Al 10’ il primo tiro nello specchio della porta: l’autore, Ercoli, cerca di sorprendere Raco dalla distanza, ma l’attento portiere granata blocca la palla a terra. Al 19’ il vantaggio arancione si materializza sulla verticale Orpelli-Nieri, con quest’ultimo che aggancia il passaggio in profondità e si presenta al tiro in tutta libertà: Raco gli respinge la prima conclusione, ma non può nulla sulla ribattuta che vale il vantaggio dei locali. Il Pontedera abbozza una reazione che non trova concretezza dalle parti di Isolani il quale passa quarantaquattro minuti senza mai essere impegnato se non per ordinaria amministrazione. Al 45’ ecco che l’episodio chiave: da una azione ben orchestrata dagli ospiti sulla fascia di destra del fronte d’attacco granata, spiove un traversone sul quale Bardini si fa trovare pronto alla deviazione di testa, la traiettoria a palombella della palla supera Isolani che guarda la sfera infrangersi sulla base del palo alla sua sinistra; lo stesso Isolani e il compagno Gaggioli non sono abbastanza reattivi quanto Bardini che ribadisce in rete il pallone che danza a meno di un metro dalla linea di porta: 1 a 1 e tutti negli spogliatoi a rinfrescarsi visto le temperature estive di una bella giornata di sole. Ci si aspetta la reazione dei padroni di casa ed invece è il Pontedera che si ripresenta sul campo con la giusta determinazione per prendersi l’intero bottino e l’occasione del 2-1 pontederese arriva già al 48’: Luka aggancia in area Carelli e il direttore di gara indica il dischetto del rigore, sul quale si presenta Marseglia che si fa parare la conclusione da Isolani, ma sulla ribattuta irrompe come un falco il solito Bardini infilando in rete il pallone del vantaggio ospite. Pistoiese colpita e svuotata da ogni velleità di rimonta tanto che il primo episodio di rilievo per i locali capita solo al 65’ quando M. Nieri viene trattenuto vistosamente in area, il direttore di gara non opta per il calcio di rigore, scatenando le vivaci proteste della squadra arancione. Dopo un paio di conclusioni forti, ma centrali, al 66’ e al 68’ da parte di De Carlo, parate con sicurezza da Isolani, i minuti finali di gara vedono la Pistoiese produrre il massimo sforzo per agguantare il pareggio: all’89’ Bartolini su punizione sfiora la traversa e al 91’, in pieno recupero, M. Nieri alza, sempre sopra la traversa, un pallonetto che avrebbe riequilibrato le sorti dell’incontro per un risultato forse più giusto visto l’andamento della gara. Al 95’ si chiude la contesa con i padroni di casa che devono cercare di rialzare la testa e trovare la continuità di prestazione all’interno delle partite stesse, dove per un tempo giocano a calcio e poi al rientro in campo dagli spogliatoi si appiattiscono subendo sempre l’aggressività agonistica dell’avversario di turno. Il Pontedera incamera i tre punti confermando la buona prestazione di sette giorni prima e si mette alle spalle il difficile inizio campionato. Nonostante il pari fosse stato il risultato più giusto, per il Pontedera la determinazione e l’aggressività agonistica messe in campo nel secondo tempo, hanno fatto la differenza.


$




RITORNO ALLA RICERCA PARTITE SINGOLE


RICERCA CAMPIONATI